AURA EMICRANICA: le diverse forme

L’aura è un disturbo neurologico transitorio che può precedere gli attacchi di emicrania (che in tal caso vengono definiti “EMICRANIA CON AURA”).
L’aura può essere caratterizzata da disturbi visivi, sensoriali (formicolii, intorpidimento di una o più parti del corpo) e disturbi del linguaggio (difficoltà ad esprimersi e/o a comprendere ciò si ascolta).
I disturbi visivi sono i sintomi più frequenti (98% delle aure) seguono quelli sensoriali (30%) e quelli del linguaggio (10%).
Recentemente ho condotto uno studio in cui i pazienti dovevano compilare un diario specifico per descrivere accuratamente i disturbi che presentavano, nel preciso istante in cui li vivevano. Questo elemento metodologico che ho introdotto (quasi sempre negli studi precedenti si chiedeva al paziente di ricostruire le proprie aure tempo dopo che le aveva vissute) mi ha permesso di stilare un elenco dettagliato dei diversi sintomi d’aura.

Di seguito riporto in ordine di frequenza (dal più al meno comune) i sintomi VISIVI che più frequentemente i pazienti riportano durante le loro AURE.
Tenete presente che ho estratto i singoli disturbi: questi possono frequentemente associarsi (ad esempio il 4 e il 5 possono associarsi e formare il cosiddetto “scotoma scintillante”).

1. LUCE ABBAGLIANTE
2. VISIONE OFFUSCATA O ANNEBBIATA
3. LINEE A ZIG-ZAG
4. SCOTOMA (zona cieca nel campo visivo)
5. FOSFENI (puntini/stelline luccicanti)
6. LUCE/LUCI INTERMITTENTI
7. VEDERE ATTRAVERSO VAMPATE DI ARIA CALDA

8. VEDERE ATTRAVERSO ACQUA INCRESPATA o ATTRAVERSO ALTRI LIQUIDI (olio,…)
9. PUNTI/MACCHIE BIANCHE

10. PUNTI o CERCHI o PICCOLE LINEE COLORATE
11. PUNTI o CERCHI NERI

12. FIGURA A “C” o a SEMILUNA
13. EMIANOPSIA (metà del campo visivo non è visibile)
14. VISIONE A TUNNEL o A CANNOCCHIALE (si oscura la parte periferica del campo visivo)
15. VISIONE CALEIDOSCOPICA
16. VISIONE FRATTURATA o A MOSAICO
17. METAMORFOPSIA (gli oggetti appaiono distorti, ad esempio linee rette diventano curve)
18. MICROPSIA o MACROPSIA (gli oggetti appaiono più piccoli o più grossi di quello che in realtà sono)
19.VISUAL SNOW: puntini (solitamente grigio/nero e bianchi) intermittenti. L’immagine è simile a quella del vecchio televisore quando non era sintonizzato sul canale
20. OSCILLOPSIA (le immagini vibrano/oscillano)
21. ALLUCINAZIONI COMPLESSE (comparsa di qualsiasi immagine riconoscibile come visi, persone, paesaggi, vedute panoramiche, animali, oggetti inanimati, cartoni animati, ecc).

Come detto in precedenza i sintomi sopra riportati possono associarsi. Di seguito alcuni esempi:

Due aspetti molto importanti dell’aura sono quelli TEMPORALI. Da questo punto di vista bisogna ricordare che i sintomi sono:

  1. TRANSITORI – hanno una durata limitata, di solito durano da 5 a 60 minuti (anche se come ho dimostrato non infrequentemente possono durare oltre 1 ora)
  2. a SVILUPPO PROGRESSIVO – subiscono una modificazione per dimensione, forma e localizzazione nel campo visivo per un periodo variabile dai 5 ai 20 minuti, sia nella comparsa che nella scomparsa.

Qui trovate delle rappresentazioni di questi aspetti temporali:

Se siete approdati su questo articolo dal sondaggio Facebook relativo ai sintomi visivi dell’aura, ora potete compilarlo. Se siete interessati ad altri articoli sulle cefalee cliccate qui

Questa pagina ha scopo divulgativo e non deve essere usata in sostituzione della visita medica (unico strumento per poter formulare una diagnosi).

CREDITS.
Images via:
http://myhealthblogs.com/migraine/migraine-aura.html
Entry to art contest Migraine Images, 1992. © 2007 GlaxoSmithKline
http://vision-simulator.tripod.com
https://antoniobux.wordpress.com
http://www.dizziness-and-balance.com
http://www.lakeshorevision.com
http://www.nyheadache.com
http://globalhandbook.atendesigngroup.com
http://www.migraine-aura.com
Danny Caes, Migraine aura no. 2, 1996. © 1996 Danny Caes
http://psicologiandouny.blogspot.it/2015/10/el-sindrome-de-alicia-en-el-pais-de-las.html
http://www.mattsms.com/2015_04_01_archive.html
http://brain.oxfordjournals.org/content/130/6/1690

/ Cefalea

Condividi l'articolo!